INSALATA DI PESCE

Tag

, , , , ,

Considerate le pessime condizioni meteorologiche, non sembra  ma tra un mese e mezzo sarà estate. Forse è il caso, parlo per me, di iniziare a pensare a una dieta in modo da non trovarmi “impreparata” a quella cosa orribile chiamata “prova costume”.

Parlare di dieta è sempre deprimente ma con questa insalata di pesce vi tirerete un po’ su di morale; è un piatto light, molto gustoso e bello da vedere.

IMG_0333

Ingredienti per 4 persone

12 seppie già pulite

12 gamberoni

2 zucchine medie

1 limone non trattato

prezzemolo

qualche foglia di maggiorana

olio extra vergine di oliva

sale,pepe

Eliminate il carapace e il filo intestinale ai gamberoni; lavateli velocemente sotto l’acqua fredda insieme alle seppie. Lessate per 6 minuti le seppie; quando mancano 2 minuti  minuti aggiungete  i gamberoni. Alla fine scolate tutto e fate raffreddare.

Lavate e tagliate le zucchine a julienne, versatele in acqua bollente per un minuto quindi scolatele e fatele raffreddare. Condite con olio, buccia grattugiata di  limone, sale e pepe.

In una terrina mettete le seppie tagliate a listerelle, unite i gamberoni, le zucchine, prezzemolo, maggiorana e condite con olio sale, pepe e il succo di mezzo limone.

Annunci

IL MIO MINESTRONE “GOURMET”

Tag

, , , , , ,

IMG_0058

Dopo i minestroni preparati dai concorrenti di Masterchef da un’idea dello chef Locatelli, anch’io ho voluto creare il mio minestrone.

Non è stata un’impresa difficile ma laboriosa sì, soprattutto perché si sporcano molte pentole e ciotoline varie poichè le verdure vanno cucinate separatamente e con tempi di cottura diversi. Naturalmente ho usato solo verdure di stagione.

Nella ricetta non darò le dosi degli ingredienti perché secondo me vanno inseriti in base ai gusti, pur prestando attenzione a creare un buon equilibrio.

Ingredienti per 4 persone

patate

taccole

cavolfiori bianchi, gialli e romaneschi

broccolo

zucchina

piselli

cipolla

carote

carciofo

asparagi

scalogno

sedano

zenzero

germogli di rapanello

menta

maggiorana

olio extra vergine di olive

sale, pepe

Lavate e curate tutte le verdure; con gli scarti e con l’aggiunta della cipolla, sedano e carota preparate un brodo vegetale.

Con uno scavino ricavate dalle patate delle palline, lessatele per qualche minuto poi disponetele in una teglia unta con poco olio e terminate la cottura in forno.

Eliminate le foglie più dure ai carciofi, lavateli e tagliateli a fette; cuoceteli in un tegame con poco olio e uno spicchio di aglio soffritto.

Lessate tutte le verdure separatamente tenendole al dente,  scolatele e sempre separatamente ripassate in padella, dove avrete fatto soffriggere lo scalogno, le taccole, le zucchine, le carote. Broccoli e cavoli li passate in tegame con poco olio.

Tutte le verdure vanno ripassate in tegame per pochi minuti perchè è importante che rimangano sode.

Frullate i piselli con l’aggiunta di un po’ di brodo poi aggiungete la crema al brodo vegetale filtrato.

Disponete le verdure in un piatto, cospargete menta, maggiorana e i germogli, versate sul fondo il brodo con la crema di piselli, un velo di olio, una macinata di pepe e servite.

 

 

RISOTTO AL CAPPUCCIO VIOLA E MELA

Tag

, , , , , ,

In inverno preparo spesso il cappuccio viola in tegame e di solito lo accompagno con lo stinco lessato secondo una ricetta di Jamie Oliver. Alcuni giorni fa forse ho esagerato con le dosi e così ho pensato di recuperare gli avanzi ( fortunatamente ho il vizio di non buttare via niente) preparando un risotto.

Ultimamente sto facendo molti risotti perché a Capodanno durante il mio tour eno-gastronomico in Oltrepo’ Pavese ho fatto rifornimento di buon riso.

IMG_20190209_122952029

Ingredienti per 4 persone

gr 400 di riso Carnaroli

gr 200 di cappuccio rosso

1 cipolla piccola

1 mela

mezzo bicchiere di aceto di mele

1 cucchiaio di strutto

1 cucchiaio di spek a piccoli dadini

stracciatella di burrata

l 1,5 di brodo vegetale

olio extra vergine di oliva

sale,pepe

 

Affettate il cavolo  con la mandolina e mettetelo in una terrina con un po’ di aceto e sale grosso. Fatelo macerare per circa un’ora.

Affettate la cipolla sottile, versatela in un tegame dove avrete fatto sciogliere lo strutto e fatela appassire; aggiungete lo speck.

Strizzate il cavolo e unitelo alla cipolla, cuocete per circa un’ora. Grattugiate  grossolanamente la mela  e aggiungetela al cavolo, cuocete per altri 15 minuti, fino a che  si sarà sciolta.

Frullate il cavolo e aggiungetene metà al riso che avrete fatto tostare in poco olio. A metà cottura aggiungete altro cavolo, tenetene un po’ in parte per fare le quenelle. A fine cottura mantecate con olio e un cucchiaio di stracciatella. Distribuite il riso nei piatti e decorate con una quenelle di cavolo e la stracciatella. Una macinata di pepe, una manciata di parmigiano e servite.

In abbinamento un Riesling  Friuli Colli Orientali.

RISOTTO ALL’ORATA

Tag

, , , , ,

Cosa fare con la lisca e  la testa di due orate appena sfilettate? Intanto preparo un fumetto poi ci penso. Ma ecco che, mentre il profumo del fumetto si espande in cucina, mi viene l’idea di fare un risotto utilizzando  anche la polpa del pesce che estrarrò dalla lisca ma anche un altro ingrediente che gli darà una marcia in più.

img_20190104_122657549

Ingredienti per 4 persone

gr 320 di riso Gallo Carnaroli il rustico

1 spicchio di aglio

vino bianco secco

l 1,5 di fumetto

olio extra vergine di oliva

polpa di orate(3 o 4) estratta da testa e lisca

bottarga

Per il fumetto

trito di carota, cipolla, sedano

brandy

sale,pepe

Preparate il fumetto: fate appassire il trito di verdure poi aggiungete le lische e le teste delle orate, sfumate con un po’ di brandy poi unite acqua e fate consumare per circa 45 minuti. Togliete le lische e le teste ed estraete la polpa.

Soffriggete in un tegame lo spicchio di aglio, versate il riso e fatelo tostare, sfumate con il vino e continuate la cottura aggiungendo il fumetto un po’ alla volta.

Quando il riso sarà cotto unite la polpa del pesce, distribuite nei piatti e grattugiate una generosa dose di bottarga.

In abbinamento un Vermentino di Gallura.

MAZZANCOLLE IN SAVOR

Tag

, , , , ,

E chi lo dice che in savor si possono fare solo le sarde? Provare per credere.

Alla vigilia di Natale la cena è sempre a base di pesce e questo  era uno dei tanti antipasti.

Posso dire che è un piatto abbastanza leggero perchè  le mazzancolle non vengono fritte ma cucinate velocemente in tegame, la cipolla viene fatta stufare a fiamma bassa e poi sfumata con aceto.

img_20181222_103606923

Ingredienti per 4 persone

gr 600 di mazzancolle

2 cipolle bianche di media misura

aceto di vino bianco

1 cucchiaio di zucchero di canna

una manciata di pinoli

olio extra vergine di oliva

sale,pepe

Togliete il carapace alle mazzancolle, eliminate il budello intestinale, sciacquatele velocemente,  asciugatele e cuocetele in un tegame antiaderente per pochi minuti, salate e pepate.

In un altro tegame stufate la cipolla affettata molto sottile in poco olio; cuocetela finchè diventa trasparente, aggiungete lo zucchero di canna, il sale e sfumatela con l’aceto.

Disponete in una terrina uno strato di cipolle, uno di mazzancolle e coprite con le cipolle. Distribuite una generosa manciata di pinoli precedentemente tostati, coprite con la pellicola e tenete in frigo per almeno due, tre giorni prima di servire.

Noi tutti gli antipasti li abbiamo abbinati al Ferrari perlè.

 

 

 

 

BLINIS CON GAMBERON E CREMA DI ZUCCA AL CURRY

Tag

, , , , ,

Facendo prove  per la cena della Vigilia è nata questa ricetta che mi sembra adatta come antipasto o come aperitivo. In genere i blinis  li  accompagno con  il salmone e  panna acida all’aneto ma questa volta ho voluto abbinarli a una crema alla zucca e curry che in genere  preparo per condire i paccheri.

IMG_20181117_122941077

ingredienti per 4  persone

per i blinis

gr 100 di farina 00

gr 130 di latte

1 uovo

gr 8 di lievito di birra

un pizzico di sale

Per la crema di zucca

gr 150 di zucca

1 scalogno

panna

curry

burro

sale

8 gamberoni

brandy

olio extra vergine di oliva

Sciogliete il lievito in poco latte tiepido. Mescolate la farina con il tuorlo e aggiungete il lievito e il latte un po’ alla volta. Unite il sale e l’albume montato a neve.

In un tegame antiaderente versate poco composto e cuocete da ambo i lati.

Preparate la crema di zucca:  fate appassire lo scalogno tritato con una noce di burro poi  unite la zucca tagliata a piccoli dadini. Quando sarà cotta schiacciatela con la forchetta, amalgamatela con mezzo bicchiere di panna, un cucchiaino di curry e fate ridurre.

Togliete il carapace ai gamberoni, rosolateli in un tegame, sfumateli con il brandy salate  e pepate.

Distribuite sui blinis la crema e adagiate un gamberone.

Servite accompagnando con un Ferrari perlè.

ANOLINI IN BRODO

Tag

, , , , , , ,

Gli anolini in brodo, piatto tradizionale di Parma, vengono fatti con un apposito timbro che gli conferisce la tipica forma di dischetto.

Grazie ad Anna e soprattutto ad Angelo ho imparato a conoscere questa meraviglia. Li ho sempre mangiati a casa  loro e fino a due giorni fa non avevo mai “osato” cimentarmi nella preparazione perché un po’ temevo il confronto. Un paio di giorni fa ho rotto gli indugi e mi son data da fare. E’ un lavoro impegnativo ma il risultato mi ha dato grandi soddisfazioni anche se aspetto l’esito del test che Anna e Angelo faranno a Natale (gli anolini si conservano benissimo in freezer). Naturalmente Angelo mi ha dato delle dritte e quindi se supererò il test sarà anche merito suo.

IMG_20181210_122759613

Ingredienti per 4 persone

per la pasta

gr 300 di farina 0

3 uova

per il ripieno

gr 400 di polpa di manzo, costicine di maiale

gr 80 di burro

1 cipolla bianca

1 carota

1 gambo di sedano

concentrato di pomodoro

vino rosso corposo

brodo di carne

gr 120 di pangrattato

gr 300 di parmigiano reggiano

2 chiodi di garofano

2-3 uova

noce moscata

sale,pepe

Per il brodo

cappone e muscolo di manzo

sedano, carota, cipolla

sale

Preparate il brodo come fate di solito.

Rosolate la cipolla tritata con il burro poi  aggiungete la carne, i chiodi di garofano, le verdure, sale e pepe. Fate rosolare, coprite con il vino e cuocete per circa 5 ore versando un po’ di brodo se necessario. A metà cottura aggiungete il concentrato di pomodoro ( abbondante) Alla fine la carne si dovrà sfilacciare e il sugo dovrà risultare  denso.

In una terrina mescolate il pangrattato con il parmigiano, le uova, la noce moscata; unite  il sugo della carne un po’ alla volta ( la quantità è a piacere); l’impasto deve risultare consistente.

Preparate la pasta  mescolando farina e uova. Lasciate riposare per circa 30 minuti poi stendetela in una sfoglia sottile. Disponete dei piccoli mucchietti di ripieno, richiudete la pasta e iniziate a “timbrare”.

IMG_20181210_112635471

Con queste dosi ho fatto circa 220 anolini. Vi consiglio di farne in abbondanza sia perché avrete piacere di mangiarne tanti, sia perché li potrete congelare visto il gran lavoro che richiede la loro preparazione.

Versate gli anolini nel brodo, io ne metto circa 35 per persona, ma c’è chi ne mette molti di più. Cuocete per circa 7 minuti, lasciate riposare un momento poi distribuite nei piatti,cospargete con il parmigiano e servite.

CREMA DI BROCCOLI CON SEPPIE

Tag

, , , ,

Per tutti quelli che come me festeggiano la Vigilia di Natale con un cenone a base di pesce ecco un’idea per un antipasto che potete comunque sfruttare anche per un pasto sano e leggero .

Se avete intenzione di preparare diversi antipasti  vi consiglio di servire la crema nei bicchierini.

IMG_20181207_121043362

Ingredienti per 4 persone

gr 200 di broccoli

1 patata

1 scalogno piccolo

acqua q.b.

3 seppie

poco vino bianco secco

sale,pepe

olio extra vergine di oliva

Lavate il broccolo e tagliatelo a pezzi grossolani, compreso il gambo; fate lo stesso  con la patata. Mettete in una casseruola  e coprite con acqua ( due dita sopra la verdura). Tritate lo scalogno e  fatelo appassire  con poco olio, eventualmente aggiungete acqua. Quando sarà diventato trasparente trasferitelo nella casseruola con il broccolo,terminate la cottura e poi frullate. Se volete potete aggiungere un po’ di panna.

In un tegame  rosolate in poco olio la seppia tagliata a striscioline  e sfumate con il vino. La cottura è velocissima, un paio di minuti al massimo.

Versate la crema nei bicchierini o nei piatti, adagiate qualche striscia di seppia, un velo di olio e una macinata di pepe.

In abbinamento una Malvasia Conte d’Attimis – Maniago.

 

 

 

LINGUINE CON “CAPELONGHE”

Tag

, , ,

Le capelonghe meglio conosciute come capelunghe o canolicchi sono dei molluschi dal sapore delizioso che si preparano in pochi minuti ed hanno anche  il pregio di essere poco caloriche. Il miglior modo per gustarle è senz’altro alla piastra ma consiglio anche di provarle come condimento  per le linguine.

L’unico problema è che vivendo sotto la sabbia devono essere lavate molto bene per evitare sgradite sorprese.

IMG_20180909_190309260

Ingredienti per 4 persone

gr 500 di capelonghe

gr 320 di linguine

prezzemolo

1 spicchio di aglio

olio extra vergine di oliva

sale

pepe nero

Tenete le capelonghe in ammollo in acqua fredda per almeno mezz’ora, disponetele in piedi in un colapasta e lasciatele scolare per qualche minuto; sciacquatele ancora un paio di volte poi estraetele con delicatezza dalle valve.

Mentre lessate le linguine preparate il sugo: tritate l’aglio e soffriggetelo nell’olio, aggiungete le capelonghe  tagliate a metà e cuocetele per circa tre minuti, non di più perchè diventano dure. Condite le linguine cospargete il prezzemolo tritato e pepe nero macinato sul momento.

In abbinamento vi propongo un Collio bianco di Keber.

INSALATA DI TROTA SALMONATA CON MELE E CREMA ALLO YOGURT

Tag

, , , , , , , , ,

Ieri  è terminato Friuli DOC, manifestazione eno-gastronomica ma anche con spazi dedicati all’artigianato locale e ai bambini, che si tiene ormai da 24 anni a Udine. E’ bello vedere la mia città finalmente animata e quest’anno per fortuna  anche il tempo è stato complice per la riuscita.

Mi piace girare per gli stand e assaggiare formaggi provenienti dalle tante malghe delle nostre montagne, salami e prosciutti, polenta e tanti altri prodotti vanto del Friuli.

La cosa che più mi diverte,però, è assistere agli show cooking che si tengono in Piazza San Giacomo. Quest’anno in cucina si sono alternati  chef come Daniele Persegani, Andrea Mainardi e Hiro. Persegani ormai è anni che ci allieta con la sua simpatia e le sue ricette, ma questo lo sapete già perchè  al termine di Friuli Doc vi “stresso” sempre con i suoi piatti.

Come dicevo quest’anno si sono aggiunti Mainardi e Hiro, bravissimi e simpaticissimi;  Hiro ha, nel modo di porsi, l’eleganza tipica dei giapponesi, Mainardi è un intrattenitore nato.

Gli show cooking sono presentati da Franca Rizzi, volto storico di Casa Alice.

Insieme a loro ho passato delle ore piacevolissime e ho imparato diversi “trucchi” che pian piano  vi spierò.

Considerato che fa ancora molto caldo oggi vi suggerisco l’insalata di trota, mele e salsa allo yogurt di Persegani.

 

IMG_20180917_120350445

Ingredienti per 4 persone

4 filetti di trota salmonata

gr 60 di mandorle pelate

gr 100 yogurt greco

2 lime

1 cucchiaio di senape in grani

1 mela verde

salsa di soia

semi di girasole

1 cetriolo

menta

radicchio rosso

uva passa

sale,pepe

olio extra vergine di oliva

Sfilettate la trota e lasciate la pelle, oliate la superficie e distribuite le mandorle tritate, salate e cuocete  da ambo le parti. Fate raffreddare  poi dai filetti ricavate dei pezzi.

Preparate la salsa: eliminate la parte centrale del cetriolo, tagliatelo a dadini e mettetelo  in una ciotola, aggiungete lo yogurt, menta, senape, olio, sale e il succo di un lime.

Tagliate la mela a piccoli dadini, conditela con sale, pepe, olio, uvetta non ammollata, soia, succo di un lime.

Componete il piatto: distribuite  il radicchio a julienne, la trota, la salsa allo yogurt, la mela e i semi di girasole. Decorate con foglioline di menta e uno spicchio di lime.

Questo piatto può essere servito anche come antipasto.