TORTA SBRICIOLATA ALLA ZUCCA

Tag

, , , , ,

Il calendario dice che l’autunno inizierà tra una settimana ma a Udine sembra sia già arrivato da qualche giorno. Io spero che giornate calde e soleggiate tornino presto ma intanto mi consolo preparando piatti autunnali a base di zucca, prodotto che amo particolarmente, un po’ come la melanzana in estate. Con la zucca avanzata dalla preparazione di una zuppa ho pensato di fare un dolce veloce.

DSCF3588

Ingredienti

per l’impasto

gr 120 farina 0

gr 80 farina di castagne

gr 100 di burro

mezzo uovo

3 cucchiai di zucchero di canna

per la farcia

gr 300 di zucca

cannella

2 cucchiai di zucchero di canna

1 cucchiaino di semi di cardamomo

scorza di un limone

pinoli

Impastate le farine con burro, uovo e zucchero fino ad  ottenere un composto “sbriciolato”. Tagliate la zucca a dadini e cuocetela con lo zucchero e la cannella. Fate raffreddare e aggiungete il cardamomo.

Disponete metà  “sbriciolata” sul fondo di una tortiera imburrata, distribuite  la zucca e cospargete  l’impasto rimasto e una bella manciata di pinoli. Infornate a 190° per circa 25/30 minuti.

Fate raffreddate la torta e mettetela in un piatto da portata.

Ottima servita con una pallina di gelato.

In abbinamento un dolce e vellutato Ramandolo.

Annunci

TAGLIATELLE CON RAGU’ PICCANTE AI FEGATINI DI POLLO E SALSICCIA

Tag

, , , ,

Il ragù alla bolognese è senz’altro un ottimo condimento per tutti i formati di pasta, fortunatamente, però, un  ragù si può preparare in tanti modi e con carni varie. Nel mio blog ho pubblicato diverse  ricette con questo intingolo, dal ragù con il petto di anatra a quello con il filetto di maiale. Oggi aggiungo un’altra ricetta per tutti quelli che amano le frattaglie.

Prepararlo solo con i fegatini e i cuori di pollo mi sembrava poco quindi l’ho insaporito con qualche fetta di spianata calabrese bella piccante, un paio di salsicce friulane e una cipolla di Tropea. Il risultato lo lascio immaginare.

Ingredienti per 4 persone

per le tagliatelle

3 uova

gr 300 di farina 0

per il ragù

gr 400 di fegatini e cuori di pollo

2 salsicce friulane

8 fette di spianata calabrese piccante

1 cipolla di Tropea

4 pomodori San Marzano

3 foglie di salvia

olio extra vergine di oliva

sale

DSCF3576

Preparate le tagliatelle come ho già descritto in diverse ricette.

Tritate la cipolla e soffriggetela in olio extra vergine,aggiungete le salsicce sbriciolate e la spianata tagliata a dadini; unite foglie di salvia e fate rosolare.

Tagliate a piccoli pezzi i fegatini, uniteli alla salsiccia  e fateli cucinare per qualche minuto.

In ultimo versate il pomodoro ridotto in piccoli cubetti e continuate la cottura per altri 20 minuti.

Lessate le tagliatelle e conditele con il ragù, versate un velo di olio e cospargete di parmigiano se vi piace. Io preferisco senza.

In abbinamento uno Schioppettino, vino autoctono friulano.

RATATOUILLE

Tag

, , , , , ,

Ecco un piatto che potete preparare in anticipo e in abbondanza perchè in frigo vi dura qualche giorno. Qui sono racchiusi i sapori e i profumi dell’estate e del Mediterraneo.

Le verdure sono quelle prettamente estive, peperoni, melanzane e zucchine, le olive   meglio se son quelle di Gaeta, i capperi di Pantelleria, le acciughe siciliane e la cipolla di Tropea.

 

DSCF3536

Ingredienti

3 peperoni rossi e gialli

3 melanzane

5 zucchine medie

5 pomodori di San Marzano

1 spicchio di aglio

1 cipolla di Tropea

6-7 acciughe siciliane

olive verdi e nere

capperi di Pantelleria sotto sale

basilico

origano

peperoncino

olio extra vergine di oliva

sale

Affettate la cipolla con la mandolina, tritate l’aglio e il peperoncino e fateli appassire con qualche cucchiaio di olio; aggiungete le acciughe e fatele sciogliere. Unite il pomodoro tagliato a dadini e qualche foglia di basilico, origano, sale e pepe.

Tagliate peperoni, zucchine e melanzane a cubetti; cucinateli separatamente per circa 5 minuti con un po’ di olio, salate e pepate. Versate le verdure nella salsa, unite le olive snocciolate, i capperi sciacquati, aggiustate di sale e pepe. Cucinate per altri 10 minuti quindi servite caldo o freddo.

Vi consiglio di preparare questo piatto il giorno prima.

 

 

LONZA DI MAIALE AI FEGATINI

Tag

, , , , , , ,

La Cucina Italiana-Luglio 1964. E’ da questo numero della rivista che ho tratto la ricetta che vi propongo oggi.

Come ho già detto diverse volte, la Cucina Italiana è stata prima per mia mamma poi per me fonte di ispirazione per la preparazione di ricette squisite  spiegate in modo chiaro e di sicuro successo.

La realizzazione del piatto richiede qualche passaggio ma vale la pena provarlo.

La carne consigliata è il vitello ma io ho optato per la lonza di maiale che ritengo più saporita. Un’altra modifica che ho apportato è la quantità di burro, i 100 grammi li ho ridotti a 50.

DSCF3528

Ingredienti per 4 persone

8 fettine di lonza di maiale

gr 300 di fegatini di pollo

gr 50 di prosciutto crudo

gr 50 burro

olio extra vergine di oliva

salvia

Marsala

1 piccola cipolla bianca

6 filetti di acciughe

due tuorli d’uovo

1 limone

poca farina

sale,pepe

Curate i fegatini,tagliateli a piccoli pezzi e tritate il prosciutto. In un tegame mettete la metà del burro e un po’ di olio, aggiungete la cipolla tagliata sottile  e fatela appassire. Unite i fegatini, il prosciutto e la salvia, salate e pepate. Cuocete a fiamma vivace mescolando spesso per non far attaccare la carne.

Infarinate le fettine di lonza e cuocetele in un tegame dove avrete fatto sciogliere il burro rimasto insieme a un paio di cucchiai di olio. Rosolatele e bagnatele con il Marsala.

Mettete in una ciotola i tuorli e il succo del limone; sbattete con la forchetta fino ad ottenere una cremina.

Togliete le fettine di  lonza dalla pentola e adagiatele su un piatto da portata. Aggiungete al fondo di cottura i filetti di acciuga tritati, fateli sciogliere e unite i fegatini. Togliete dal fuoco, versate le uova e mescolate amalgamando bene. Coprite le fettine con i fegatini e servite accompagnando con piselli o altre verdure a vostro piacere.

In abbinamento un Bolgheri rosso Rute- Guado al Melo

PENNE CON SALSA AI PEPERONI

Tag

, , , ,

Sono appena rientrata (purtroppo) da una vacanza al mare con la mia nipotina Giulia. E’ stato meraviglioso passare qualche giorno con lei, vedere  i progressi giorno dopo giorno, andare insieme a prendere il giornale e le brioches per la colazione, camminare  lungo la riva del mare e incontrare tante persone che ti fermano per fare i complimenti a Giulia. Che esperienza fantastica essere nonni!

Ma ora è giunto il momento di riprendere in mano tutte le cose che ho un po’ trascurato da quando è nata Giulia e il blog è una di queste.

Oggi una ricetta per tutti quelli che non vogliono rinunciare ad un buon piatto di pasta anche con il gran caldo.

DSCF3498

Ingredienti per 4 persone

gr 320 di penne rigate Rummo

2 peperoni

capperi sotto sale

4-5 filetti di acciuga sott’olio

olive verdi e nere

1 spicchio di aglio

peperoncino

stracciatella di burrata

sale

olio extra vergine di oliva

parmigiano

Soffriggete l’aglio con i filetti di acciuga, aggiungete i peperoni tagliati a piccoli dadini, i capperi sciacquati, le olive tagliate a metà, il peperoncino ed il sale. Cuocete per circa 7 minuti. Lessate la pasta, vi consiglio la Rummo perchè è senz’altro una delle migliori in commercio, scolatela e versatela nel sugo. Distribuite nei piatti, a piacere cospargete il parmigiano e in ultimo disponete la stracciatella, un velo di olio e servite.

In abbinamento un Sauvignon Colle Villano – Colli Orientali Friuli

FESA DI TACCHINO CON SALSA BASILICO E NOCCIOLE

Tag

, , , , ,

Se volete tenere i fuochi spenti perché c’è troppo caldo ecco un piatto fresco e veloce, non più di dieci minuti per prepararlo…impiegherò più tempo a scrivere la ricetta che non a farla.

La salsa basilico e nocciole è nata per caso perché ero rimasta senza pinoli quindi non ho potuto preparare il pesto alla genovese….direi meno male perchè ho provato qualcosa di nuovo. Con la salsa rimasta ho anche condito la pasta.

Ingredienti per 4 persone

12 fette di fesa di tacchino

feta greca

basilico

nocciole

parmigiano

olio extra vergine di oliva

1 limone non trattato

maggiorana

sale grosso

DSCF3493

Frullate il basilico, le nocciole, il parmigiano e qualche grano di sale grosso, aggiungete l’olio e create una salsa non troppo densa.

Schiacciate  la feta, aggiungete un po’ di buccia di limone e qualche foglia di maggiorana tritata e mettetene un po’ su  ogni fettina di fesa, arrotolate e disponete  in un piatto da portata.  Distribuite un po’ di salsa al basilico, irrorate con un po’ di olio e grattugiate ancora un po’ di  buccia di limone. Tenete in frigo fino al momento di servire.

 

 

 

 

LINGUINE ALLE ALICI CANTABRICHE

Qualsiasi avvenimento importante va festeggiato degnamente e noi per dare il benvenuto a Giulia, la mia meravigliosa nipotina,  ci siamo recati alla trattoria  “Ai due Platani” a Coloreto in provincia di Parma. Qui si possono gustare  i piatti della tradizione parmigiana ma non solo. Dopo un abbondante antipasto a base di torta fritta, salumi, parmigiano, gorgonzola cremoso e composta di cipolle rosse abbiamo ordinato i tradizionali tortelli alle erbette, eccellenti spaghetti alla chitarra con alici cantabriche, costolette di agnello e come gran finale il dolce: una “montagna” di   gelato servito  sul momento da completare,in base ai propri gusti, con cioccolato fuso, meringhette, Grand Marnier, fragole. Fantastico, si sentiva tutta la genuinità del prodotto.

Ho apprezzato molto gli spaghetti alla chitarra con le alici, quindi ho cercato di carpire tutti i sapori per riproporre il piatto ad Angelo e Anna una volta rientrati dall’ospedale. Non avendo la chitarra per fare gli spaghetti ho optato per le linguine.

IMG_20170713_125840216

Ingredienti per 4 persone

gr 320 di linguine

gr 80 di alici  cantabriche

gr 100 di olive taggiasche

1 panino raffermo

prezzemolo

1 cucchiaio di capperi sotto sale

gr 200 di pomodori ciliegino

olio extra vergine di oliva

sale

Lavate e tagliate  a metà i pomodorini e metteteli ad asciugare in forno per circa 20 minuti a 180°. Grattugiate grossolanamente il pane e fatelo dorare in poco olio.

Tagliate a pezzi le alici e mettetele in un tegame con qualche cucchiaio di olio, unite i capperi sciacquati, le olive snocciolate e i pomodori. Cuocete per pochi minuti perchè le acciughe non devono sciogliersi. Lessate la pasta e conditela con il sugo, cospargete poco prezzemolo, il pane e servite. Se avete piacere aggiungete parmigiano.

In abbinamento consiglio  un Vermentino di Gallura o un Oltrepo’ Pavese metodo classico Rosè.

 

 

FRITTATA PRIMAVERA CON PROSCIUTTO E RICOTTA

Tag

, , ,

Quando cucino i piselli come contorno abbondo un po’ perché  con quelli che avanzano preparo la frittata primavera che nelle giornate più calde  può essere consumata anche fredda. In questo caso vi consiglio di infornarla di mattina presto.

Nella ricetta non indico le dosi delle verdure, mettetene a piacere. Quest’anno ho conservato in congelatore parecchi piselli e asparagi. Sono perfetti per quando voglio preparare frittate e risotti fuori stagione.

Ingredienti per 4 persone

8 uova

asparagi verdi

piselli

zucchine

gr 80 di prosciutto S. Daniele  a cubetti

parmigiano

gr 100/150 di ricotta

menta

maggiorana

olio extra vergine di oliva

sale,pepe

 

DSCF3441

Rosolate in poco olio  il prosciutto a cubetti, unite i piselli e cucinate per circa 20 minuti.

In un altro tegame mettete poco olio e versate gli asparagi tagliati a pezzi. Quando saranno cotti  aggiungeteli ai piselli. Nello stesso tegame cuocete le zucchine tagliate  a cubetti.

Mescolate tutte le verdure insieme alla ricotta, salate, pepate e cospargete con menta e maggiorana.

Sbattete le uova in una terrina, unite il parmigiano e  le verdure. Versate in uno stampo oliato e cosparso con poco pangrattato. Infornate a 190° per circa 20 minuti.

In abbinamento un fresco Cartizze.

SPAGHETTI CON LIMONE E DADOLATA DI GAMBERONI

Tag

, , , , , , ,

In estate senza dubbio preferiamo mangiare cibi leggeri  e freschi. Questo piatto di spaghetti anche se caldo ci procura grande freschezza al palato grazie alla presenza del limone e della menta. Non mancano un tocco salutare conferito dalla curcuma e di raffinatezza  dato dalla dadolata di gamberoni marinati in olio e poco limone.

DSCF3451

Ingredienti per 4 persone

gr 320 di spaghetti n° 5 Rummo

2 limoni non trattati

8 foglie di menta

8 gamberoni

poco Brandy

1 cucchiaio di curcuma

olio extra vergine di oliva

sale,pepe

Lessate gli spaghetti in acqua bollente a cui avrete aggiunto un cucchiaio di curcuma.

Togliete ai gamberoni il carapace e il budello. Mi raccomando di acquistarli già abbattuti o teneteli in congelatore per due giorni; tagliateli a cubetti grossolani e conditeli con olio,sale e poco limone. Teneteli in frigo fino al momento dell’uso.

Mettete i carapaci in un pentolino con poca acqua e quando questa bolle sfumate con poco Brandy; cucinate per circa  20 minuti. Raccogliete il liquido filtrato e fatelo raffreddare, unite un paio di gocce di limone, olio ed emulsionate fino ad ottenere una cremina leggermente densa.

Scolate la pasta e conditela con  l’emulsione, le zest di limone. Disponete nel piatto un nido di pasta, cospargete poca menta tritata e completate con la dadolata di gamberoni.

In abbinamento consiglio un Vermentino di Gallura o un Franciacorta brut.