Tag

, , , , ,

Generalmente quando viaggio mi piace portare a casa prodotti eno-gastronomici del luogo visitato. In Svizzera ho acquistato diversi tipi di formaggi e tra questi lo Sbrinz. Formaggio a pasta dura, prima di essere messo in vendita, viene stagionato per almeno 18 mesi ( senza aggiunta di additivi) ma se  si vuole gustare  tutta la sua aromaticità è meglio aspettare 24 mesi. Lo Sbrinz viene fatto con latte proveniente da mucche che si nutrono solo di erba e fieno.

Consigliano di consumarlo tagliato a cubetti, grattugiato su paste o risotti o fatto a rotolini con un’apposita”pialla” o con un normale pelapatate.

Io l’ho provato con gli gnocchi di ricotta.

Ingredienti per 4 persone

gr 300 ricotta preferibilmente romana

1 uovo

4 cucchiai di Sbrinz

2 cucchiai di farina

noce moscata

sale,pepe

per il condimento

burro

maggiorana

Sbrinz

2 cucchiai di pinoli

Mescolate la ricotta con l’uovo, la farina, la noce moscata, lo Sbrinz grattugiato, un pizzico di noce moscata, sale e pepe. Raccogliete un po’ di impasto alla volta e formate delle palline non troppo grandi, passatele nella farina e quindi immergete in acqua bollente.

Quando gli gnocchi vengono a galla lasciateli cuocere ancora un paio di minuti.

Scaldate una padella  e tostate i pinoli; in un pentolino sciogliete il burro con qualche foglia di maggiorana e tenetelo sul fuoco fino a che diventerà color nocciola.

Scolate bene gli gnocchi, distribuiteli nei piatti, versate il burro, cospargete lo Sbrinz grattugiato e una  manciata di pinoli.DSCF5100

In abbinamento uno Chardonnay o un Traminer

Annunci