Tag

, , , ,

A Roma la comunità ebraica è la più antica del mondo occidentale, è presente  nella città da più di 2000 anni, quindi  da secoli è presente anche una forte tradizione culinaria che però, comporta anche diverse restrizioni; ad esempio non si può mangiare carne abbinata al latte, niente carne di maiale, la carne deve essere macellata e conservata seguendo delle regole stabilite nella Torah.

Ancora oggi nel ghetto di Roma si trovano numerose trattorie dove si possono provare piatti fatti con ricette nate nelle famiglie  che abitavano il ghetto secoli fa.

Ieri ho voluto preparare un dolce che fa parte della  Kosher ebraica: la crostata di ricotta e confettura di visciole.

Image

Ingredienti

Per la pasta

gr 375 di farina

gr 120 di zucchero

1 uovo intero + un tuorlo

gr 200 di burro

buccia grattugiata di un limone

Per il ripieno

1 barattolo di confettura di visciole

gr 500 di ricotta romana

gr 80 di zucchero

Preparare la pasta frolla impastando farina, burro, uova, zucchero e buccia di un limone.

Formare un panetto e tenerlo in frigo per almeno un’ora. Nel frattempo mescolare la ricotta con lo zucchero.

Stendere la frolla in uno stampo per crostate (tenerne un po’ in parte), Distribuire la confettura e in ultimo la ricotta.

Image

Con la frolla rimasta formare le strisce e disporle sulla superficie.

Infornare  per circa 35 minuti a 190°.

Image

Ho accompagnato il dolce con un Verduzzo dolce.