Tag

, , , , ,

Oggi  un piatto sano, gustoso e veloce adatto anche per quelle persone che hanno poco tempo da passare intorno ai fornelli.

In Italia il carciofo si coltiva maggiormente nel Lazio, Liguria, Puglia e Sardegna;ne esistono di diverse specie.

E’ ricco di potassio, sali minerali e  cinarina. Chi ricorda Ernesto Calindri seduto a un tavolo nel bel mezzo del traffico che si gusta il Cynar? “Contro il logorio della vita moderna”:Carosello degli anni sessanta.

E’ benefico per il fegato soprattutto se consumato crudo:tagliato sottile,sottile condito con olio,limone,sale e pepe è ottimo.

La ricetta che presento oggi è forse comune a molte famiglie; io qui riporto quella di mia mamma.

Ingredienti

4 carciofi abbastanza grandi

pangrattato

parmigiano

prezzemolo

aglio

vino bianco secco

olio extra vergine di oliva

sale,pepe

Tritare il prezzemolo con l’aglio. Grattugiare il pane e il parmigiano,mettere tutto in una ciotola,aggiungere sale e pepe.

Eliminare le foglie più coriacee ai carciofi,tagliare le punte e aprirli a fiore.

Riempirli con il composto,pressare un po’ e disporli in piedi in un tegame (devono stare molto stretti).

Immagine

Versare qualche cucchiaio di olio e mezzo bicchiere di vino bianco secco; farlo evaporare a fiamma piuttosto alta. Coprire i carciofi con acqua fino a metà, salare e portare a cottura a fuoco moderato.

 

Io li dispongo in una pirofila e li metto a gratinare in forno per far sì che si formi una crosticina croccante,

Generalmente li accompagno con  un po’ di formaggio o affettato,ne viene fuori una cena leggera e sana.

Immagine

Con i carciofi abbinare un vino è difficile;io consiglio un Traminer aromatico dell’Azienda Castelvecchio (Sagrado-Go).

Annunci